Ingegner Romeo CamettiDa preziosi documenti rinvenuti sappiamo che è la Ditta dell'Ingegnere Romeo Cametti a costruire il “ricovero antiaereo” a servizio di Villa Savoia. L'incarico è dato direttamente dalla Casa di Sua Maestà il Re il 7 novembre 1942, con la richiesta che i lavori siano portati a termine nel minor tempo possibile. Il 23 giugno 1943 i lavori sono ultimati ed il pagamento è effettuato con 8 assegni tratti sulla Banca Commerciale Italiana, presso cui sono i conti di Casa Savoia, per un totale di Lire 705.929,40.

Cametti nasce a Roma nel 1882. Divenuto Perito Industriale per le Costruzioni e la Meccanica, si dedica fin dal 1902 alle costruzioni in Cemento Armato. Dal 1908 al 1911 lavora presso la Società Porcheddu, assumendo la direzione di 67 lavori. Dal 1912 inizia ad operare in proprio.

Nel 1914, presenta il rivoluzionario «Progetto di tramvia sotterranea per Roma - Per la viabilità» Non una metropolitana, come scrsse Cametti, «scorrente entro gallerie profonde a forti velocità; infatti basta ricordare le condizioni del sottosuolo di Roma, ove è così facile trovare nella città bassa l'acqua ed i resti dell'antica grandezza; ciò nonostante la soluzione del problema della viabilità non si raggiunge che sotto terra, e il nuovo mezzo di moto non potrà essere altro che una semplice tramvia a velocità notevolmente maggiore di quelle superficiali». Contemporaneamente si sarebbero realizzate anche gallerie sottoservizi, per le tubazioni dell'acqua potabile, delle fognature e delle linee elettriche, della posta penumatica, del telegrafo, del telefono. Erano previste 21 stazioni, tutte all'interno delle Mura Aureliane. Ovviamente il tutto rimane lettera morta.

Allo scoppio della I Guerra Mondiale parte volontario per il fronte e, nella Valle dell'Isonzo e in Albania, costruisce trincee in cemento armato, ponti, strade, hangar, serbatoi, officine. magazzini, ecc. Alla fine del conflitto, con il grado di Capitano ottiene la Croce di Guerra.

Casa dell'Automobile Piazza Verdi - Cametti I lavori svolti dalla sua Ditta sono centinaia, in tutta Italia. Nella Capitale a partire dal 1921 progetta e realizza la Città Giardino della Cooperativa dei Ferrovieri “Termini” con 253 residenze a villini su un'area compresa tra Via del Pigneto e Via Casilina. Nel 1923-1925 la scuola elementare di Via della Rondinella, sul Lungotevere. Nel 1926 realizza l'avveniristica Casa dell'automobile a piazza Verdi, un edificio-garage in cemento armato di 10 piani, che ospita 1.000 automobili di cui 750 in box privati dotati di apparecchio telefonico, presa d’aria compressa e rubinetto per il lavaggio. Nelle forme si ispira nelle forme ai grossi palazzi newyorkesi dei primi anni del Novecento che ospitano grandi magazzini e uffici. Per la sua demolizione, negli anni '70 del '900, data la sua struttura, sono necessari tre anni.

La Ditta cessa l'attività intorno al 1950, mentre l'Ingegner Cametti muore nel 1962.

Torna indietro